SOSTANZE: NUOVE CLASSI DI PERICOLO 2023

La Commissione Europea ha pubblicato un Regolamento Delegato che modifica il Regolamento CLP, che stabilisce nuove classi di pericolo e criteri per la classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze e delle miscele.

Si applica a tutte le sostanze e miscele chimiche immesse sul mercato dell’UE ai sensi del regolamento REACH. Si applica anche ai principi attivi contenuti nei biocidi e nei prodotti fitosanitari, che normalmente hanno la priorità per la classificazione armonizzata nell’UE.

Questa legislazione dell’UE è vincolante per fabbricanti, importatori, utilizzatori a valle e distributori che immettono sostanze sul mercato dell’Unione europea. Gli Stati membri faranno anche riferimento alle nuove classi e criteri di pericolo quando presenteranno proposte per la classificazione e l’etichettatura armonizzate.

Le nuove classi di pericolo sono:

  • ED HH nella categoria 1 e nella categoria 2 (interferenza endocrina per la salute umana)
  • ED ENV nella Categoria 1 e nella Categoria 2 (Interferenza endocrina per l’ambiente)
  • PBT (persistente, bioaccumulabile, tossico), vPvB (molto persistente, molto bioaccumulabile)
  • PMT (persistente, mobile, tossico), vPvM (molto persistente, molto mobile)

Le nuove regole sono in vigore dal 20 aprile 2023. Da oggi gli Stati membri possono avanzare proposte di classificazione ed etichettatura armonizzate (CLH) con le nuove classi di pericolo e produttori, importatori, utilizzatori a valle e distributori possono autoclassificare le loro sostanze e miscele di conseguenza.

Sono previsti periodi transitori dall’entrata in vigore del regolamento delegato, durante i quali fabbricanti, importatori, utilizzatori a valle e distributori non sono ancora tenuti a classificare le loro sostanze o miscele secondo le nuove classi di pericolo. Durante questi periodi, le nuove classi di pericolo possono essere applicate su base volontaria.

Al termine dei periodi transitori, tutti i produttori, importatori, utilizzatori a valle e distributori devono applicare le nuove classi di pericolo.